Con rispetto parlando per battere il bullismo

La Marconi vincitrice del progetto-idea di Soroptimist e Comune di Udine Contro ogni forma di violenza, psicologica e fisica, ha coinvolto otto scuole

di Pietro Miani, Scuola Media Ellero – Messaggero Veneto del 20/05/2015

“Con rispetto parlando”. E’ questo è il nome del progetto anti-bullismo realizzato dal Soroptimist International, sezione di Udine – che ha messo in palio 9 mila euro per premiare i migliori elaborati di tre anni consecutivi – e dal Comune di Udine, dai Servizi sociali, dall’Agenzia Giovani, dalla Polizia locale, dall’Istituto di ricerca e sviluppo per la sicurezza insieme al Consiglio scolastico sezione ragazzi.
Con rispetto parlando - Gli studenti al lavoro
L’idea è venuta alla past president dell’associazione umanitaria Soroptimist, Erika Busetti e all’assessore alle Pari Opportunità, Cinzia Del Torre. Il progetto contro qualunque forma di violenza, psicologica e fisica, ha coinvolto ben otto scuole secondarie di primo grado, ognuna delle quali ha estratto una classe di prima campione che è stata istruita su tutto il programma con lezioni riguardanti il bullismo: come prevenirlo e in caso evitare che esso avvenga.
Le classi scelte con la collaborazione dei professori hanno realizzato otto elaborati che sono stati, quindi, votati online da genitori, parenti, amici e compagni. Poi, dopo i voti online, si è passati ai voti della giuria composta dalla signora Maria Consolata Morasutti per il Soroptimist, dai giovani membri del Consiglio Comunale dei Ragazzi, dal team di psicologi dell’IRSS rappresentato dal signor Gabriele Felci, e per il comune dagli assessori Cinzia Del Torre, Raffaella Basana e dalla presidente della commissione Pari Opportunità Sara Moro. La premiazione degli elaborati si è svolta al teatro San Giorgio di Udine dove all’ingresso è stata data un’ultima possibilità di voto utilizzando una strana tecnica: è stato dato un bullone a testa, in riferimento alla parola bullismo, da mettere in una delle otto bottiglie di plastica simboleggianti i vari progetti (disegni, video o canzoni).
Dopo lo spettacolo “Ballo e Bullo nel Paese degli Allocchi” sul tema del bullismo, sono state fatte le premiazioni: la scuola vincitrice del progetto di quest’anno (1.250 euro) è stata la scuola media G. Marconi con un video prodotto unendo più foto creando un effetto di movimento dei lego. La scuola media G. Ellero si è guadagnata il secondo premio di mille euro creando un video a parer della giuria molto rapido e conciso, mentre la scuola media A. Manzoni si è aggiudicata il terzo premio di 750 euro. I premi saranno utilizzati per l’acquisto di materiale multimediale.

Annunci